BioHystScienza per Amore

Il Ministro Mahama Zoungrana in visita presso l’impianto Hyst di Balerna – 4 Ottobre 2014

Mahama-Zoungrana_04.jpgIl 4 ottobre 2014, il Governo del Burkina Faso ha fatto seguito alla lettera ufficiale di interesse verso il progetto Bits of Future: Food for All, inviando una sua delegazione a Balerna (Svizzera) per effettuare i primi test di lavorazione Hyst su biomasse locali.
La delegazione è stata guidata dal Ministro dell’Agricoltura e della Sicurezza Alimentare, il signor Mahama Zoungrana, accompagnato dal signor Saga Pascal Ilboudo (Segretario Particolare del Coordinamento delle Politiche Agricole) e dalla signora Aoua Toure Sako (Primo Consigliere dell’Ambasciata di Roma).
Durante la dimostrazione sono stati processati con la tecnologia Hyst il sorgo e il giacinto d’acqua.
Il Ministro Zoungrana ha molto apprezzato le potenzialità della Hyst che: “può permetterci di recuperare molti residui dei nostri raccolti, e subito penso ai residui del raccolto del mais, che possono essere utilizzati per produrre alimenti.
Proprio per questo motivo, i residui della raccolta del mais saranno oggetto di una futura sperimentazione: il prossimo passo concreto per avviare al più presto un progetto in Burkina Faso. “Abbiamo visto una possibilità di realizzare delle installazioni integrate che serviranno a recuperare gli scarti che pongono problemi per l’ambiente, e non solo” ha dichiarato il Ministro “Sarà possibile utilizzare piante nocive come il giacinto d’acqua, che comincia a essere un problema per i nostri corsi d’acqua. È un’invenzione estremamente importante per un Paese come il nostro: permette di recuperare i rifiuti che pongono problemi per l’ambiente, trasformarli in alimenti per l’uomo e per il bestiame, ma anche poter utilizzare questi residui per produrre energia.

Oltre a congratularsi con i tecnici Hyst, il Ministro Zoungrana ha dichiarato: “voglio esprimere il desiderio del nostro Paese di beneficiare di questa tecnologia. È una tecnologia del futuro, per il rafforzamento della sicurezza alimentare nel nostro Paese.

Youtube